impianti minieolici ed eolici

 

L’energia eolica ha sempre fornito la forza propulsiva alle navi a vela ed è stata usata per azionare i mulini a vento. L’utilizzo di questo tipo di energia è caduto successivamente in disuso con la diffusione dell’energia elettrica e con l’estesa disponibilità a basso costo di motori alimentati da combustibili fossili.

 

Tuttavia la recente attenzione rivolta ai cambiamenti climatici, l’esigenza di incrementare la quota di energia pulita ed i timori di una diminuzione futura della disponibilità di petrolio hanno promosso un rinnovato interesse per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e quindi anche dall’eolico.

Questo tipo di energia, in confronto ad altre energie rinnovabili, richiede investimenti inferiori ed utilizza una risorsa naturale generalmente disponibile ovunque e particolarmente fruibile nelle zone temperate, dove si trova la maggior parte delle nazioni industrialmente sviluppate.

Durante l’ultimo decennio del 20° secolo sono stati costruiti e testati diversi modelli di turbine eoliche: con rotori ad asse verticale e orizzontale, con numero variabile di pale, con il rotore posizionato sopravento o sottovento alla torre, ecc.

La turbina ad asse orizzontale con rotore a tre pale sopravento si è dimostrata la tipologia usualmente più idonea e ha avuto di conseguenza un notevole sviluppo, segnato sia da una rapida crescita in dimensione e potenza, sia da un’ampia diffusione.

Al fine di sfruttare l’energia cinetica contenuta nel vento, convertendola in energia elettrica disponibile per l’immissione in rete o per l’alimentazione di carichi in parallelo, una turbina eolica utilizza diversi componenti sia meccanici che elettrici.

In particolare il rotore (pale e mozzo) estrae l’energia dal vento convertendola in energia meccanica di rotazione e costituisce il “motore primo” dell’aerogeneratore, mentre la conversione dell’energia meccanica in elettrica è effettuata da un generatore elettrico secondo opportune configurazioni.

 

In sintesi, i principali componenti che costituiscono un aerogeneratore Prowind ad asse orizzontale sono:

 

Pala;

  1. Supporto della pala;
  2. Attuatore dell’angolo di pitch;
  3. Mozzo;
  4. Ogiva;
  5. Supporto principale;
  6. Luci di segnalazione aerea;
  7. Freni meccanici;
  8. Generatore;
  9. Convertitore di potenza e dispositivi elettrici di controllo e diprotezione;
  10. Trasformatore;
  11. Anemometri;
  12. Struttura della navicella;
  13. Torre di sostegno;

Organo di azionamento per l’imbardata

LUMISTUDIO FACILITY MANAGEMENT
Via Simone Martini Detto Memmi 29
20143 Milano
Numero di telefono: 02.99761084 02.99761084
Cellulare: 3394040604
Fax: 02.99761084
Indirizzo e-mail:
Stampa Stampa | Mappa del sito
© LUMISTUDIO s.r.l. Via Simone Martini Detto Memmi 29 20143 Milano tel.fax. 02.9976108 info@lumistudio.it Partita IVA 11135211008